Menu

Wajukuu KIDS CLUB durante le vacanze scolastiche

I lavori in Kenya proseguono incessanti, secondo i programmi e le aspettative. Grandi soddisfazioni per il Wajukuu Art Projec.

Nel periodo di chiusura delle scuole i bambini dello Slum sono stati suddivisi in classi, definite in base all’età, alle abilità e al livello di comprensione scolastica e, seguiti dai loro tutor, sono stati introdotti alle sessioni e ai materiali da utilizzare.

Disegnare, per questi bambini, è un bisogno basilare

L’introduzione nel disegno di figure e simboli è stata graduale, partendo da sessioni di base fino ad attività complesse, e arrivando alla capacità di creare maschere e realizzare lavori in cartapesta che sono la manifestazione dei diversi stili con cui hanno condiviso le loro storie. Arrivando a produrre risultati eccezionali.

Un requisito fondamentale è stato il lavoro di squadra tra facilitatori e genitori, perché la successiva condivisione con i loro figli di quello che stavano facendo si è rivelata importantissima. Grazie alla generosità di Farfalle di Luce, è stato possibile avere a disposizione tutti i materiali e gli strumenti didattici necessari in tempo reale, permettendo così ai tutor di offrire un’assistenza efficace per garantire ai bambini di acquisire competenze ed esprimere differenti capacità.

L’organizzazione di una giornata aperta è stata l’occasione per i ragazzi di condividere quanto fatto durante le vacanze con la comunità e, soprattutto, con i loro genitori. Lo stupore nei loro occhi, nel vedere i lavori dei loro figli, è stata la conferma che l’obiettivo principale di Wajukuu era stato centrato: rendere la comunità sana e salubre e offrire ai ragazzi uno strumento di cambiamento, attraverso il lavoro svolto in attività collettive artistiche.

Stiamo lavorando per un piano educativo integrato

I promotori del progetto stanno lavorando per fare in modo che il sogno che i ragazzi stanno vivendo durante le vacanze abbia una continuità e si concretizzi nel futuro con la possibilità di allargare il piano educativo a una dimensione integrata che veda il coinvolgimento della persona nella sua totalità, attraverso l’introduzione di discipline che si basano sul movimento corporeo, come lo yoga, e di altri aspetti fisici e mentali come la meditazione.

Share this Post!

About the Author : admin


0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Related post

  TOP